Dot2SR-H Woofer Vibrating System

Oggi parliamo dei sistemi Vibrating Woofer e piu’ precisamente del sistema della Dot2SR .

La Dot2SR è una azienda  Koreana di Seul. E’ specializzata da molti anni nella produzione di sistemi di  Vibrating Woofer Speaker System.

Partiamo dalle basi spiegando cosa sono e come sono composti i sistemi Vibrating Woofer.

Questi sono composti da un amplificatore da collegare al computer o all’ home theather e da uno o piu’  casse che trasformano i suoni dei “bassi” in vibrazioni percepite piu’ o meno intensamente dall utilizzatore.

Queste casse possono essere installate in qualsiasi posto, nei sedili di un auto , nei sedili dei cinema, nei divani di casa nostra oppure nelle sedie da ufficio delle nostre scrivanie o dei nostri home cockpit.

L’ amplificatore aumenta l’effetto prodotto dal canale dei bassi del nostro sistema e manda i segnali audio che poi successivamente le casse vibrating trasformano in vibrazione .

Questi sistemi sono molti “di effetto” sia nei simulatori , sia nei divani di cosa nostra. Cosa ne pensate di vedere un film di azione o di volare su un airbus e letteralmente sentire le vibrazioni

reali che sentirebbero sia i piloti che i presenti ad una scena di Mission Impossible ?

Dopo aver provato questo sistema nel nostro home cockpit di un Airbus A320 possiamo garantirvi che la sensazione è travolgente.

Dalla scheda audio del sistema abbiamo fatto uscire un cavo mono dal canale dedicato al subwoofer  e lo abbiamo collegato all’ amplificatore,  abbiamo collegato le due casse vibranti sotto la sedia del pilota collegate con l amplificatore e collegate anche con uno dei due fili in serie fra loro  e abbiamo inziato la prova.

Abbiamo fatto il nostro consueto volo di prova nel cockpit dell airbus a320 da Roma a Milano.

Il sistema della Dot2SR, piu precisamente il sistema Dot2SR-H, ci ha da subito impressionati. Reagisce molto bene ai suoni prodotti dal canale subwoofer della nostra scheda audio.

Le casse vibranti hanno una potenza di 100w e una impendence di 2 ohms. Le  frequenze sulle quali lavora per trasformare il suono in vibrazione sono comprese tra i 20hz e gli 80hz.

L’ amplificatore ha un impendence di 2 ohms e una potenza massima di 45W.

 

Appena abbiamo fatto la messa in moto dell’ aeromobile abbiamo iniziato a sentire i feedback dei motori. Fantastica sensazione. Le vibrazioni sono molto ben definite ma non troppo invasive (come nella realtà).

Ad ogni movimento meccanico corrisponde  un movimento delle casse vibranti. I movimenti dei flaps, dell’ estensione dei carrelli, della forza esercitata dall aria su gli spoiler e sui carrelli stessi, e poi inoltre il tocco delle ruote sulla pista e le vibrazioni provocate dagli inversori di spinta.

Tutte queste sensazioni sono molto ben riprodotte dal sistema Vibrating di Dot2SR.

Ora veniamo all analisi delle cose da migliorare, poche pero’ presenti.

La cosa che piu’ ci ha colpito come abbiamo gia’ detto è la fedeltà della trasformazione audio – vibrazione , pero’ probabilmente il sistema Dot2SR-H avrebbe bisogno di un amplificatore un poco piu’ potente con un uscita RMS piu’ elevata , perche forse 45W sono un po’ pochini.

La qualità dei materiali delle casse vibranti è di ottima qualità , gli accessori in dotazione sono sufficienti, pero’ ci saremmo aspettati una qualità maggiore dall amplificatore sia a livello di funzionamento sia a livello di qualità costruttiva.

In conclusione possiamo dire che questo sistema Dot2SR è comunque un validissimo sistema vibrante , che lavora molto bene nelle frequenze percepite dal corpo umano(20hz – 80hz), anche se sappiamo che in commercio abbiamo sistemi vibranti piu’ performanti che lavorano con range di frequenze piu’ ampi e quindi ancora piu’ sensibili al corpo umano, ma con costi decisamente molto piu’ importanti rispetto al sistema di Dot2SR.

Detto questo possiamo dire che il sistema Dot2SR-H sia un ottimo compromesso qualità / prezzo . Riesce a dare emozioni forti con costo contenuto. Complimenti a questa azienda koreana che si sta facendo conoscere anche nel resto del mondo.

Add a Comment