La tecnologia Microsoft per aiutare gli studenti affetti da dislessia

Microsoft ha annunciato la sua collaborazione con Made by Dyslexia, organizzazione benefica che si propone di sensibilizzare il grande pubblico nei confronti del fenomeno della dislessia. Grazie a questo accordo, Microsoft supporterà con la sua tecnologia 700 milioni di persone dislessiche nel mondo – e in particolare 14 milioni di studenti – a realizzare il proprio potenziale, aiutandoli nel loro percorso professionale e nella vita di tutti i giorni.

Si stima infatti che oggi, in media, a livello globale, uno studente su cinque sia dislessico, senza contare quei ragazzi a cui la dislessia non è stata ancora esplicitamente diagnosticata. Questi studenti, che vedono le parole scritte in modo diverso, sono spesso erroneamente etichettati come affetti da disabilità dell’apprendimento e, in quanto tali, costituiscono circa il 70-85% degli studenti a cui sono dedicate lezioni speciali con insegnanti di sostegno. Insegnanti e genitori, anche se mossi da buona volontà, spesso non hanno le risorse nè la preparazione adeguata per aiutarli, con il rischio che, senza il giusto supporto nei primi anni della loro formazione, i ragazzi stessi perdano la passione per lo studio e per la conoscenza.

In questo contesto, Microsoft svilupperà aggiornamenti ad-hoc per tutti i suoi prodotti destinati a studenti e docenti, per facilitarli nell’apprendimento, nella lettura e nella scrittura e collaborerà con Made by Dyslexia per la realizzazione di training per insegnanti e genitori affinchè possano comprendere appieno questo disturbo dell’apprendimento, per riconoscerlo e sostenere chi ne è affetto.

Qui di seguito e a questo LINK il blog post del team Microsoft Education con tutti i dettagli e un video di Satya Nadella.