Parrot Anafi ! WOW!

Oggi parliamo di Parrot e del suo nuovo arrivato , il Parrot Anafi.

Parrot ormai è anni che porta avanti l’ idea di drone consumer. E’ stata una delle prime aziende in credere nei droni semi-professionali e con un investimento importante ha iniziato a fornire agli appassionati di volo un alternativa al classico modellismo dinamico . Ricordo l’ emozione che ho vissuto entrando in questo mondo nel lontano 2013. All’ epoca Parrot stava portando il suo AR Drone v1 ad un livello successivo . All’ epoca erano proprio in pochi a credere a questo tipo di mercato e soprattutto in pochi ad investire risorse e denaro nei droni consumer.

Ovviamente senza ancora nessuna regolamentazione era possibile volare ovunque. Questo ha favorito non di poco l’ espansione delle startup che si stavano inserendo nel mercato e anche l’ aumento esponenziale di persone che possedevano droni e li facevano volare in qualsiasi posto gli venisse in mente. Spiagge, montagne , prati , piazze e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.

Questo ha portato ovviamente ad avere un sovra affollamento dei cieli con droni piu’ o meno piccoli e piu’ o meno sicuri.

Parrot sin dall’ inizio è stata molto coerente con la sua politica. Droni sicuri, facili da pilotare e con un prezzo giusto per la tecnologia e la sicurezza offerta.

AR Drone e AR Drone 2 sono stati copiati da tutti . Tutti facevano la corsa a copiare le dinamiche di volo eccezzionali di questi due esemplari , ma la qualita’ offerta da Parrot a livello di materiali di costruzione e affidabilita non è mai stata raggiunta da nessuna azienda concorrente.

I prezzi dei componenti di ricambio erano veramente bassi e questo ha portato Parrot al top del mercato.
Dopo le due versioni di AR Drone siamo passati ad un radicale cambiamento (soprattutto di design) .

Siamo passati da un drone molto voluminoso e anche molto stabile ad un drone piu’ piccolo e leggero , il Bebop v1.

Questo gioiello di tecnologia integrava sia il GPS che nuovi algoritmi per la stabilizzazione (grazie a nuovi sensori barometrici) e nuove funzionalita’ mai viste in precedenza (introduzione di automazione volo e nuovo software compatibile con tutti i device per l analisi del volo ).

Il Bebop v1 è stata una pietra miliare, tanto è che ancora oggi è il drone piu’ usato per le gare FPV (debitamente modificato per pesare meno di 300 g, visto che la normativa dice che sotto i 300g i droni possono volare praticamente ovunque).

Qualche anno dopo Parrot ha introdotto la revisione del Bebop , il Bebop v2 . Nuovo modello che prende la linea dal modello precedente ma aumenta drasticamente la durata di volo arrivando sino a 30 minuti di volo continuo. Oltre ad avere migliorato anche l’ ottica montata onboard e la componentistica, il Bebop 2 ha catturato i cuori degli appassionati per la sua formidabile stabilita’ al vento e alle manovre complesse. Dopo qualche tempo Parrot ha aggiunto un kit FPV al suo Bebop 2 e ha reso il modello pilotabile anche usando smartphone e occhialini per entrare nel vivo della scena e del volo . Rimane ancora oggi una delle piu’ belle esperienze di volo mai fatte.

E qui oggi siamo a parlare del successore del Bebop 2 , il Parrot Anafi.

Dopo un paio di anni dall’ uscita del Bebop 2 e del suo FPV kit Parrot ha rotto gli schemi con il passato e ha presentato l’ ANAFI. Grazie ad un design tutto nuovo e all aggiornamento della piattaforma sul quale è costruito , il gruppo R&D di Parrot ha creato un modello “From Scratch” aggiungendo molte funzionalita’ , cambiando i materiali (quali fotocamera, ottica, introduzione del 4K e rimozione della memoria interna sostituita da piu’ comoda scheda SD).

Il Parrot Anafi è uscito a fine estate scorsa nel nostro paese e ha da subito portato una ventata di aria nuova nel panorama dei droni commerciali.
Il nuovo nato di casa Parrot porta con se un sacco di novità .

Partiamo dal design. Parrot ha innovato la piattaforma sulla quale costruira i futuri droni. La scocca si è rimpicciolita ed è stato introdotto un comodo sistema di braccia richiudibili per occupare meno spazio . Ogni braccio ripiegabile ha un controller e un motore di nuova generazione che prigiona tantissima potenza. Il materiale di costruzione è migliorato ancora rispetto alla serie Bebop ed è molto piu’ durevole nel tempo.

L’osservazione degli insetti è all’origine del concetto di ANAFI. Seguendo infatti la struttura anatomica di un insetto, ANAFI, si divide in tre parti: testa (fotocamera e gimbal), torace (elettronica e meccanica racchiuse al centro), addome . Il tutto assemblato con fibra di carbonio per tenere il peso abbastanza sotto controllo. Dico abbastanza perche è 320 g , peccato perche sotto i 300g si sarebbe potuto trattare di un successo ancora piu’ ecclatante.
Anafi è stato dotato di un Gimbal con videocamera 4k HDR.

Integra un sensore Sony IMX230 di ultima generazione e un processore video Ambarella per produrre spettacolari video 4K HDR e foto da 21MP. La realizzazione del sistema video è un gioiellino di tecnologia. Parrot ha inserito un gimbal con una videocamera che ad oggi sono top nel mercato dei droni semi professionali grazie ad un connubio meccanico elettronico .

La fotocamera è equipaggiata con una lente grandangolare con lenti asferiche progettate per limitare la dispersione di luce ed anomalie cromatiche, indipendentemente dalle condizioni di illuminazione.

ANAFI ha un sensore da 21MP (5344×4016) che offre una risoluzione 1.4x volte più alta del 4K (3840×2160) e 2.8x maggiore di 1080p (1920×1080). Lo zoom a disposizione attraverso l ottica è un 1,4x senza perdita di risoluzione in 4K e 2,8x in full HD (1080p). È possibile aumentare lo zoom a 3x con lo zoom digitale.

Grazie all algoritmo Supersampling Anafi riesce a ottenere i pixel interpolati attraverso la tecnica presa in prestito dalle schede grafiche e dai videogame. Grazie al Supersampling riesce ad avere uno zoom senza perdita di definizione.

Ora parliamo della Batteria Intelligente. Si perche Parrot si è evoluta anche da questo punto di vista ed ha inventato un tipo di batteria molto performante che è capace di tenere la carica per molto tempo andando in una sorta di ibernazione nel qualcaso l’ Anafi non venga utilizzato per tempo prolungato. La betteria viene scaricata automaticamente fino ad arrivare al 65% e viene messa in ibernazione. Grazie a questa tecnologia Parrot ci fornisce una batteria che consente la costante potenza ai 4 motori del drone fino a 25 minuti puliti di autonomia.

Grazie agli algoritmi della centralina poi , il drone si accorge in autonomia quanto puo’ andare lontano tenendosi sempre la carica necessaria per rientrare “alla base”.

Il Parrot Anafi inoltre ha al suo interno protocolli di comunicazione proprietari che attraverso il WIFI long range riesce costantemente a garantire copertura di comunicazione con lo SkyController 3. Infatti se utilizzato con quest’ ultimo il PArrot Anafi riesce a raggiungere i 4km di distanza continuando a fare switch sui canali piu’ liberi in quel momento , grazie ad un algoritmo che ogni N msec fa la scansione dello spazio frequenze.

I vari bracci del Parrot Anafi oltre ad avere in carico il supporto dei motori e il passaggio dei cavi di collegamento , sono anche delle antenne WIFI omnidirezionali che permettono il comportamento detto al paragrafo precedente. Ogni braccio è un antenna . Quindi Anafi ha un totale di 4 antenne WIFI omnidirezionali.

Anafi non sarebbe cosi’ se non fosse abbinato anche al piu’ avanzato sistema di controllo remoto, lo SkyController 3 e al software App (Android e Apple) FreeFlight 6.

SkyController 3 è la terza generazione del controller avanzato Parrot. Esteticamente questa terza generazione assomiglia ad un controller Xbox , molto compatto con connessione micro usb per la ricarica e usb per la connessione allo smartphone sul quale gira l applicazione FreeFlight 6.

Anche qui i materiali di costruzione dello SkyController 3 sono eccelsi . Ottima plastica e molto robusta. Le sue funzionalita’ sono le solita gia’ viste , sticks, zoom con i grilletti posteriori e start e stop video recording sempre con i pulsanti sistemati subito dietro gli stick.

Il software FreeFlight 6 merita un articolo di approfondimento a parte che arrivera nel mese di febbrario . Possiamo anticipare che ci sono tantissime novita’ e anch’esso è stato sviluppato FromScratch dal team di R&D di Parrot a Parigi.

Le nostre prove si sono concentrate sulla durata della batteria, sul volo manuale e sulla maneggevolezza dell’ Anafi.
Appena alzati daa terra ci siamo resi conto della stabilita’ che i sensori di nuova generazione restituiscono. Mai volato con un drone cosi’ stabile. USato da subito con lo SkyController 3 il drone si è subito ostrato mansueto ma deciso nei movimenti.

Le modalita’ che si possono provare pilotando l’ Anafi sono la modalita’ Sport e la modalita Film.

Provata la modalita’ Sport, ci siamo divertiti portando al limite il drone e muovendoci al suo massimo di 55 KMH. Il drone si è sempre comportato egregiamente nonostante qualche sbavatura sul segnale debole che forse dovuto a qualche interferenza ci ha limitati per qualche minuti nel suo controllo.

Poi siamo passati alla prova della modalita’ Film. Qui il drone diventa molto piu’ mansueto e permette di effettuare riprese degne da droni cinematografici grazie alla sua risoluzione 4k 30 FPS e allo stabilizzatore della Gimbal. Qui se proprio vogliamo dire una cosa da migliorare nelle future versioni è l’ introduzione che spero sara’ fatta del rilevamento degli ostacoli .

Questa verrebbe molto utile al Cameraman di turno per concentrarsi a filmare senza doversi occupare di tenere la distanza dagli ostacoli.
Sia la modalita’ Sport che la modalita Film sono totalmente configurabili e quindi si possono modificare a piacimento velocita’ di rotazione , velocita’ dei motori etcetc.

Anafi non è tutto qui . Molta parte la fanno tutti i movimenti automatizzati che il software FreeFlight 6 riesce a fornire . Ci torneremo piu’ avanti e spiegheremo nel dettaglio i vari funzionamenti.

Ricapitolando possiamo affermare che il Parrot Anafi ridefinisce la categoria, porta innovazione qualita senza compromessi e tanta passione dei suoi designer!

Fino ad oggi il top mai provato ! Stay tuned per la review del FreeFlight 6

Parrot Anafi è disponibile presso store Parrot e Amazon al prezzo di 699 Euro .

A cura di Merlo Fabio