RECENSIONE MICROSOFT XBOX ONE X PROJECT SCORPIO EDITION

Oggi è arrivato il giorno di spacchettare la nostra Xbox One X Project Scorpio e scoprire tutte le sue caratteristiche. Finalmente Xbox One X è uscita il 7 Novembre 2017 , ed è senza dubbio la Console piu’ potente al mondo, grazie ai suoi 6 TeraFlops di potenza grafica , al supporto True 4K 60 Frame al secondo e ai suoi 326 GB/Sec memory bandwidth.

In estate appena aperte le prenotazioni , ci siamo lanciati nell ordinare la versione Project Scorpio di Xbox One X. Per i pochi che non lo sapessero , questa versione, è la Day One version.

Quindi dopo qualche giorno dalla sua uscita ufficiale è arrivata tra le nostre mani e che dire…. Wow.

Nel Package troviamo l Xbox One X griffata con etichetta serigrafata Project Scorpio in verde sul fronte console. Il chassis della console è differente, rispetto alla versione standard , sia nel colore sia nel coperchio superiore. Infatti quest’ ultimo è microforellato. Questo permette anche una migliore ventilazione nei momenti piu’ concitati di gioco, quando le temperature vanno inesorabilmente verso l’alto.

Nella Project Scorpio edition, abbiamo in piu rispetto alla versione standard, lo stand che serve per posizionare la Console Verticale, cosa che personalemnte consiglio.

Nel package troviamo anche un Xbox Pass con la validità di 15 giorni e un coupon per 15 giorni di abbonamento XboxLive .

All’ interno della scatola a parte la console, troviamo anche l’ Xbox One X Controller . Questo è il classico controller Xbox One in colorazione Black ma con la serigrafia “ProjectScorpio” in verde , cosi’ come è presente nella console.

Ora veniamo alle due chicche “estetiche” della versione Xbox One X Project Scorpio. Microsoft ha serigrafato un numero di serie “particolare” in ogni scatola , console e gamepad Project Scorpio version. Il numero stampato, che apparentemente è un classico SerialNumber , è “01051317”. Questa serie di numeri sono densi di significato sia per i fan Microsoft sia per Microsoft stessa, infatti rappresentano gli anni di uscita delle varie versioni di Xbox (2001, 2005,2013,2017).

L’ ultima chicca (“Easter Egg”) è uno scorpione cavalcato da MasterChief, personaggio della fortunata serie HALO! Questo pero’ non possiamo mostrarvelo purtroppo , perche per vederlo si devono rompere i sigilli di garanzia e non vorrei incorrere in potenziali problemi futuri .

Ora dopo aver spacchettato la fantastica e potentissima console Microsoft passiamo al montaggio e a riassumere le sue caratteristiche.

In dotazione Microsoft ci fornisce un cavo HDMI di eccellente qualità , che la stessa Microsoft consiglia di utilizzare per avere la sicurezza della perfetta pulizia di immagine per sfruttare il True 4K a 60 Frame al secondo.

Montato il tutto in circa 10 minuti è il momento della prima accensione!

Prima di parlare delle prove della console riassumiamo le caratteristiche tecniche principali e le novità hardware chi si porta con se’ .

Precisiamo che la Xbox One X non è una nuova generazione di console ma una actual generation spinta a dismisura ed in maniera sopraffina. La compatibilità con giochi e accessori di Xbox one , Xbox one S è totale e questo vale anche per la retrocompatibilità dei titoli Xbox360 .

GPU e CPU sono state potenziate , rispetto alla versione Xbox One S. Anche la RAM è aumentata ed è arrivata ad un totale di 12 GB DDR5, ben 4 in piu’ della concorrente Ps4 Pro. Questo a nostro avviso sara’ la vera chiave di volta per le future esperienze di gioco di Xbox One X rispetto alla concorrenza.

La CPU è una CPU AMD basata su una evoluzione di Jaguar,x86 con 8 core ognuno con 4MB di cache L2 con frequenza a 2,3 GhZ. GPU sempre basata su una evoluzione di AMD Polaris con 40 compute Unit a frequenza di 1172 MHZ. Infine Harddrive potenziato con capacità di 1 TeraByte e 12 GB di memoria DDR5. Direi un “mostro di potenza” . I

GPU e CPU sono entrambe contenute nel SystemOnChip (SOC) da 16 NM costruito da TMSC utilizzando le ultime tecnologie disponibili in fatto di assemblaggio processori .

AMD e Microsoft hanno collaborato a stretto contatto per la costruzione e la progettazione del SoC di Xbox One X. Infatti grazie a delle ottimizzazioni portate da AMD nella progettazione del SoC , possiamo affermare che il Drawing degli oggetti su video per i giochi che usano DirectX 12 , è stato velocizzato piu del 50% utilizzando anche un minor numero di istruzioni “macchina” per effettuare l’ operazione.

L’ aumento di RAM è dovuto anche e soprattutto al fatto che la console spinge giochi ai veri 4K a 60 FPS utilizzando tecniche di antialiasing che ad oggi sono una esclusiva di sistemi di gioco da high end (vedi Geforce 1080).

Inoltre Microsoft è riuscita anche nell’ ottimizzazione della sua versione custom di Windows 10 dedicata alla Xbox One X, andando a riservare al sistema solo 3 GB di memoria e quindi lasciando liberi 9 GB di memoria agli sviluppatori. Questa limitazione nella memoria riservata al Sistema Operativo Windows 10 Xbox porta pero’ un contro, seppur di minuscola entità. La Dashboard su Xbox One X gira in 1080p upscaled a 4K , non in modo nativo quindi. Questa scelta, a mio avviso molto intelligente, ha portato ad avantaggiare gli sviluppatori dei giochi con 1 GB di Extra Ram disponibile.

Gli Sviluppatori comunque, indipendentemente dal rilascio o meno di un aggiornamento ai giochi che abilita lo sfruttamento delle funzionalita, possono beneficiare gratuitamente e senza scrivere nessuna riga di codice del filtro di antialiasing “SuperSampling”. Infatti anche i giochi in 1080p usando nativamente l’ opzione SusperSampling vengono renderizzati nel backframe ad una risoluzione superiore e poi renderizzati a video a 1080p eliminando la maggior parte delle fastidiose scalettature delle immagini di gioco. Il supporto del SuperSampling nativoè una vera e propria novità nel mondo console. Questa tecnica fino ad oggi era di esclusiva porprieta delle schede grafiche di fascia altissima.

Microsoft ha anche reinventato il sistema di raffreddamento , utilizzando il sistema a camera di vapore e una ventola che prende aria fresca dai lati della console e la elimina dalla griglia posteriore. Questo sistema permette un raffreddamento molto ottimizzato e permette al SoC della Xbox One X di non salire a temperature proibitive.

La parte posteriore di Xbox One X mostra tutti i soliti tesse uscite che contiene la sua sorella minore Xbox One S.

Manca anche in questo caso la porta per il Kinect, pero’ è acquistabile a parte l adattatore che ne permette l’ uso. Nonostante il mercato non sia della nostra opinione, è triste vedere che il Kinect e il suo supporto sta scemando piano piano negli anni. Questo perche ha portato un vento di cambiamento nel mondo dell interazione con la UI. La Natural User Interface è stato una delle maggiori scoperte degli ultimi anni e a mio avviso è stata poco utilizzata e poco sfruttata. Personalmente uso giornalmente il Kinect e i giochi che lo supportano , sia per il divertimento dei piu’ piccoli sia per i party game con gli amici.

Tornando a parlare di Xbox One X, abbiamo sempre il lettore Bluray 3D 4K , identico a quello della versione di Xbox One S.

Il Design della Xbox One X è stato riprogettato interamente. Infatti oltre al nuovo sistema di raffreddamento si è riprogettato anche il posto fisico dove inserire i componenti. Infatti tutti quelli piu’ sensibili al calore sono stati spostati dove potevano essere raffreddati nel migliore dei modi.

Dopo aver parlato ampiamente dei materiali costruttivi, delle nuove caratteristiche introdotte e dei miglioramenti delle gia’ ottime funzionalità delle precedenti versioni, nella prossima parte della review, passeremo all’ analisi della DashBoard di Xbox One X e del titolo simulativo di punta, Forza Motorsport 7.