SPEL il computer “Scacciapensieri” per chi vola

100_1746
SPEL: il computer per chi vuole volare senza pensieri

Il pensiero fisso del comandante virtuale sono i frame che abbinati ai limiti nelle impostazioni della risoluzione possono fare la differenza tra una serata con goduria illimitata e una così cosi.

Scherzi a parte posto questo articolo dovendo aggiornare il mio computer personale ormai anzianotto di ben 6 anni e quindi con questo spunto ho pensato di realizzare una macchina denominata appunto scacciapensieri perchè basata su una piattaforma che possa reggere altri sei anni, con eventuali aggiornamenti delle sole periferiche che col tempo migliorano di prestazioni riducendo il prezzo. Infatti il motto dell’azienda è sempre stato massima resa con il minimo impegno, guai se in casa si accorgono che il budget destinato al volo supera quello della ricreazione familiare.

Come detto nel titolo, il computer che mi accingo ad illustrare è stato realizzato nei giorni scorsi considerando come prioritarie le caratteristiche di velocità di trasferimento dei dati  in quanto sono la principale causa della velocità che può raggiungere il simulatore.

Pertanto va messa molta attenzione nella scelta della Mother Board che sia un giusto mix tra solidità e affidabilità, predisposta alla nuove tecnologie e non necessariamente una versione troppo giocosa. Io personalmente vengo da un mondo come quello della produzione audio/video in cui si fanno macchine che devono funzionare anche per due settimane senza fermarsi, con prestazioni grafiche e velocità di transfert rate al limite … perciò punto sempre su prodotti della penultima generazione, senz’altro più affidabili e aggiornati ad eventuali bachi costruttivi.

Altra scelta voluta riguarda il processore, il sottoscritto viene dalla vecchia scuola che predilige processori che lavori per molto tempo senza scaldare ed essere strapazzati, perciò niente aumenti di tensione o di frequenza per guadagnare qualche punto percentuale di prestazioni. Meglio partire con un buon processore di basso consumo ed attendere che esca e raggiunga un prezzo abbordabile quello della famiglia superiore.

Infine la scheda video non la considero immediatamente come un costo che deve pesare sulla macchina, ma può arrivare anche in un secondo tempo, potendo iniziare perfino da quella già in casa. Io avevo una gloriosa ATI Radeo 4800, che mi faceva andare in VFR a 28 fotogrammi in qualsiasi condizione.

Dopo ho fatto il salto che leggerete più in basso.

Ecco quindi SPEL il computer basico per il volo pronto al decollo con meno di 1000 euro.

100_1748

Il computer utilizza un CASE che seppure di Cool Master è stato scelto appositamente per non essere troppo appariscente e non suscitare curiosità da parte dei membri della famiglia sul possibile costo, E’ grande a sufficienza per accogliere fino a due schede video di lunghezza intera, e dispone di 2 ventole per un ricircolo d’aria forzata di tutto rispetto, onde evitare sgargianti dissipatori di dubbia utilità. Abbianto ad un alimentatore sempre della CoolMaster da 650 watt, fatti debiti conti il computer in tutto assorbe tra  300 e 340 watt perciò ce abbastanza riserva per eventuali picchi di carico e per le immancabili periferiche esterne USB ( che andrebbero sempre alimentate per conto proprio ).

Mother Board : ASUS Z170PRO

170pro

La scelta di questa piastra madre è data da due motivi principali: monta lo zoccolo LGA 1151 per la famiglia dei processori delle nuove generazione Intel a basso consumo e prestazioni, quindi appena la serie i7 6700 avrà prezzi più abbordabili sarà un ottima candidata per un upgrade della macchina. Inoltre la Z170Pro monta le RAM di nuovo tipo, come pure i sata ad alta velocità ma la cosa più importante è lo zoccolo per inserire un SSDdi tipo M2 come vedremo in seguito.

CPU: Intel i5-6500 6MB Cache – della famiglia Skylane  – LGA 1151

Processore 4core, sfrutta appieno la tecnologia DUAL Channel delle RAM DDR4 3 3.  che fornisce ottime prestazioni con un consumo di soli 64 watt.

Memorie :

RAM e dischi fissi sono il sistema più importante del computer: inutile avere superschede video o processori ultimo modello se poi i dati per arrivare ai banchi di memoria o al disco subiscono colli di bottiglia incredibili. Perciò ho utilizzato per questo computer 2 banchi RAM DDR4 Kingston da 8GB ognuno con una requenza di 2133 MHz!
Avendo un po’ di budget in più il meglio sarebbe comprare i modelli di RAM ECC a correzione di errore vendute a coppie di testata identica velocità, ma non si può sempre esagerare 🙂

predator

Il clou del nostro computer è rappresentato dal disco in cui andremo ad installare il sistema operativo ( Windows 10 Home 64 Bit ) e chiaramente il simulatore X-Plane, si tratta di un disco SSD da 240GB di nuova generazione denominato M.2, che si collega direttamente sulla Mother Board con un pettine che raggiunge direttamente il bud del processore garantendo una velocita di trasferimento dei dati dati di 1400 MB/s in lettura e 600 MB/s in scrittura. Quasi il triplo di un disco SSD convenzionale collegato via cavo SATA; basti pensare che un disco tradizionale meccanico difficilmente supera i 150/200 MB/s.

HyperX-Savage-SSD

In ogni caso per archiviare scenari, aerei e tutto il materiale accessorio del simulatore, come secondo disco fisso sempre SSD e stato aggiungo il Kingston HyperX Savage da 240Gb.

100_1756

Nel prossimo articolo parleremo invece della scheda video installata : per chi non l’avesse riconosciuta si tratta della
Nvidia Quadro M400 prodotta da PNY, la migliore in assoluto come rapporto prezzo prestazioni e disponibile della stessa serie anche in versioni più economiche da 2, 4 e 8 GB di RAM mantenendo lo stesso impressionante processore grafico che in questo modello riesce a pilotare 4 monitor FULL HD.

trovate tutte le specifiche qui

( http://www.pny.eu/professional/explore-all-products/nvidia-quadro/526-nvidia-quadro-m4000 )

Per coloro che volessero informazioni su questo PC e come averlo pronto a casa scrivetemi dalla pagina info

Add a Comment